E’ arrivato il tempo dei desideri

by CIRCLE

Desiderare una vita migliore, un nuovo lavoro, un nuovo fidanzato o semplicemente l’ultimo accessorio must-have imposto dal mondo della moda, borsa o scarpe non conta, l’importante è desiderarlo fortemente.

Noi della comunicazione siamo sempre alla ricerca del desiderio, perché il nostro ruolo è quello di “intercettarlo” per poi farlo avverare…

Ma cos’è il desiderio?
L’origine della parola desiderio deriva dal latino e risulta composta dalla preposizione de- che ha sempre un’accezione negativa e dal termine sidus che significa stella.
Desiderare significa, quindi, letteralmente, “mancanza di stelle”. Mancanza di qualcosa, quindi.

Ma anche attesa e tensione.

desiderio 2

Ogni desiderio, presuppone una “strada” da percorrere che comporta emozioni, da provare, sentire e vivere: è proprio questo il desiderio.

Noi comunicatori abbiamo accorciato di molto questa “strada”, e abbiamo reso i desideri bisogni sempre più puntuali, immediati, da soddisfare subito.

Dobbiamo invece riprenderci il tempo per i desideri: fermarci, pensare, aspirare, progettare, costruire, percorrere, attendere, emozionare, appagare.
Tutto questo comporta un grande investimento di tempo e pazienza. Ma desiderare è l’unico modo che abbiamo per stimolare un cambiamento in noi e attorno a noi, per sentire e immaginare un futuro sempre migliore.

I desideri non devono essere legati necessariamente al consumo, ma al benessere della società, della comunità, alla salvaguardia dell’ambiente, alle generazioni future.

desidrio 1

#Adesso  #Attualità  #Comunicazione  #Contemporaneità  #Desiderio  #Futuro  #Presente  

La contemporaneità della moda: un mix creativo di ambiguità, no-glamour, contraddizioni e imperfezioni

by CIRCLE

1_photo-yannis-vlamos_indigital-tv

GUCCI – SPRING 2017 RTW COLLECTION
© photo Yannis Vlamos-Indigital.tv - vogue.com

Forme e proporzioni nuove, over, asimmetriche, imperfette, che disegnano il corpo tracciando figure improbabili e poco sinuose; stili che mixano icone classiche con scenari suburbani e metropolitani lasciando all’immaginazione definire il nuovo genere che non è femminile e non è maschile.
Il futuro della moda è abbattere gli stereotipi, esplorare l’inesplorato a livello di gusto, di estetica portandoci a ricercare altre dimensioni…
È questo quello che la gente comune vuole?

2_yannis-vlamos_indigital-tv1

VETEMENTS – SPRING 2017 RTW COLLECTION
© photo Yannis Vlamos-Indigital.tv - vogue.com
#Adesso  #Attualità  #Contemporaneità  #Design  #Fashion  #Genderless  #Glamour  #Lifestyle  #Presente